venerdì 5 agosto 2016

Opinione: Infelici e Scontenti, di Alice Chimera

https://www.amazon.it/Infelici-e-scontenti-Alice-Chimera/dp/8899500150/ref=as_li_ss_tl?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1470236494&sr=8-1&keywords=infelici+e+scontenti&linkCode=ll1&tag=viaggiatricep-21&linkId=538392bfb9fca7cfe11a6f202d0dc1b7
(cliccando sull'immagine si va su Amazon) 

Nell'immaginario collettivo le fiabe possono finire solo con il classico "e vissero felici e contenti". Eppure, chi non si è mai chiesto cosa è successo dopo? Che cosa accadde a Belle dopo la rottura dell'incantesimo? Jasmine, che ha sempre sognato di scappare da palazzo, è felice della sua vita? I racconti si aprono sul finale disneyano che conosciamo tutti e proseguono con la narrazione di fatti tenuti nascosti: l'eroina diviene fautrice della propria infelicità. Cenerentola si ritrova sposata con un principe che la considera un giocattolo sessuale, Ariel scopre che non è diventata davvero umana e che le manca la possibilità di procreare, Alice, che avrebbe voluto crescere e diventare donna, si ritrova a rimpiangere il Paese delle Meraviglie e la spensieratezza dell'infanzia... Agli occhi delle protagoniste, una scelta: assecondare la sfortuna e stringere i denti oppure sfidarla e soccombere.

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Ho scoperto questo libro per puro caso e per una gran fortuna sono riuscita a vincerlo, e poterlo leggere. 
Sono cresciuta (come molti altri) con i cartoni e le favole Disney, ma non sono mai stata la ragazzina che sognava il principe azzurro e/o di essere salvata per finire a fare la principessa (o di essere una principessa...bleach!)...per cui ho adorato già da subito la premessa dietro questi racconti. 

Forse si sa che derivano da favole vecchie, ma non molti le conoscono (cruente e con insegnamenti forti dietro ad ognuna, create apposta per spaventare e mettere in guardia, sopratutto le bambine visto il retroscena dietro molte...).
Non si sono ispirate a quelle comunque, l'autrice ha usato la sua immaginazion e alla fine di ogni racconto ha lasciato una spiegazione del perchè ha portato la storia su quel binario e una breve spiegazione riguardo la trama orginale (ovvero la favola com'era originariamente nata e tramandata).

Io più che ribrezzo o orrore ho provato spesso pena per la fine di queste donne (o a volte ragazze) che dopo il "...e vissero felici e contenti" vedono la loro storia proseguire, ma non con i canoni "disneyani", anzi, verso un percorso più reale e quasi karmico, a pensarci bene, poichè sembra che molte abbiano visto questo finale ribaltato a seconda di cosa le abbia portato la gioia. 
Per esempio 
Biancaneve si vede portare via tutto da una mela. Un frutto che la perseguita così tanto nei suoi incubi da condizionarle la vita...
Ariel si ritrova spezzata a metà, tra mare e terra, non più sirena ma nemmeno umana, senza poter procreare e l'incubo di perdere la propria casa e gli affetti....
Belle, dopo aver spezzato la maledizione, non riesce a vivere tranquilla tra le mura del castello perchè quel male non ha lascito le mura e ha deciso di accanirsi contro di lei, scatenando in quella donna coraggiosa e testarda, la volontà di indagare....
Cenerentola, una giovane ingenua che si ritrova tra le mani di un principe dagli appetiti perversi e che la trascina in un mondo che lei non solo non avrebbe mai immaginato, ma che la distrugge lentamente notte dopo notte, sempre più sola, finchè si ritrova a odiare quella maledetta scarpetta che così tante giovani invece adorano e guardano sognanti....
Jasmine, una volta sposata e diventata moglie e madre, questo non le basta più e desidera nuovamente uscire da palazzo per aggirarsi tra le strade e vedere il suo popolo come vive, ma ciò non è facile con Aladdin ormai sovrano e diventato pigro...
Aurora ri risveglia da un sogno per ritrovarsi in un incubo nel quale dovrà convivere con il fratello del suo sposo, e la moglie, entrambi egoisti e cattivi...
Alice da bambina, cresce diventando una giovane donna che non vuole abbandonare il Paese delle Meraviglie, ma come tornarci? Scoprirà il modo, anche se la sua storia avrà due epiloghi differenti, uno più cruento, poichè l'autrice stessa (amando questo personaggio) decide di concederle anche un finale più 'dolce'.

Spesso si parla di 'principesse' che sono loro stesse la causa del loro male, alla fine di tutto, ma portandosi dietro sempre un velo di tristezza perchè spesso non si meriterebbero tanta cattiveria dal destino. Sopratutto Cenerentola, perchè è...vera e pura, una giovane innocente che si trova in un mondo che non avrebbe mai aspettato esistesse. Probabilmente una visione più reale riguardo cosa succedeva davvero nelle corti di certi nobili viziati, ma per lei ci spiace perchè non lo meritava non avendo fatto nulla di cattivo. E come per lei, tutte quelle giovani che finiscono tra le mani di individui così....(meglio che non finisco la frase).

Nonostante tutto mi sono piaciute queste versioni delle favole, questi finali alternativi, cruenti, tristi, ma interessanti. Una fantasia fantastica e spero non sia l'ultimo libro che quest'autrice scrive (magari anche riguardo le favole!) perchè sono curiosa di leggere altro che la sua mente costruirà.
Pensate che questo è solo il suo esordio! ;)

Nessun commento:

Posta un commento