lunedì 19 agosto 2019

Quelle storie vere che fanno venire i brividi. Racconti che potresti credere siano stati inventati per turbare il pubblico, ma che sono realtà. Un caso che iniziò nel 1997 e che continua ancora oggi, rivedendo la luce grazie a questo scavo, fra memorie e documenti, che mette in chiaro tutta la vicenda. . . Pedofilia. Omicidi. Satanismo. Queste le parole chiave al centro di tutto. A dar voce a questi incubi, le testimonianze di tanti bambini. Ma era tutto una "bugia". . Un enorme creazione nata da parole interpretate da adulti, che lentamente hanno "obbligato" sempre più bambini a raccontare le stesse oscenità. Indagini non accurate, specialisti non all'altezza del proprio compito e una caccia alle streghe che ha distrutto ed infangato tanta gente. . Più di 20 persone sotto il mirino. Accusate, processate, alcune scagionate subito, altre condannate e poi assolte. Alcuni già morti. Altri ancora attendono giustizia. . 16 bambini portati via dalle proprie famiglie, che neppure in caso di assoluzione hanno potuto rivedere. Adesso adulti con un passato drammatico con cui fare i conti. Alcuni che vogliono sapere e ricucire i rapporti così brutalmente strappati. Altri che vogliono solo dimenticare. . . Una vicenda che ancora oggi, dopo 20 anni, ha ripercussioni poiché sembra che le stesse persone che si occuparono dei bambini di allora, siano sotto indagine nel caso "Angeli e Demoni" (Bibbiano). . Una storia che lascia spiazzati, in cerca di risposte e di una giustizia che però manca. Responsabilità che non vengono distribuite, lasciando "professionisti" incolumi di continuare a lavorare, senza che tutto questo abbia un peso, per loro. . . Ve ne parlerò meglio sul blog, portate pazienza. Intanto: voi conoscevate questa vicenda? . #Veleno #storiavera #PabloTrincia #Einaudi #DiavoliDellaBassa #booksofinstagram #bookblogger #booknerd #bookstagrammer #booklovers #book #bookish #leggere #leggerechepassione #reading #leggeresempre #booknow #leggerefabene #bookblog #booklover #read #booklove #bookshelf #amoleggere #bookaholic #libridaleggere #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

sabato 17 agosto 2019

Curran resta sempre un mistero per me. Scrive un genere che adoro alla follia e che è davvero difficile da trovare in Italia, eppure non so mai se quello che starò per leggere sarà stupendo oppure orribile. In questo caso, mi è andata davvero bene! 😎 Splatter, mostruosità, protagonisti e emozioni umane sono ben bilanciate, creando qualcosa di interessante. 💚 . . Un romanzo ambizioso, con le sue 529 pagine, raccontato in modo corale attraverso tanti personaggi, ma mai troppo banale. . . E' uscito il 2 agosto, ci ho messo un po' per leggerlo. Curran è interessante, ma non scorrevolissimo e (eh si) ho ancora a tratti blocchi da lettore, che colpiscono a caso. Mi sono presa anche del tempo per pensare a cosa scrivere, perchè voglio farvi incuriosire ma dirvi proprio il minimo indispensabile. Dovete affrontare il viaggio come i protagonisti, alla cieca, senza sapere dove la mente di Curran, e una misteriosa nebbia, vi condurrà. . Una storia che si muove fra la fragilità della mente umana in situazioni estreme e gli esseri che stanno per spuntare dagli abissi, che nemmeno negli incubi peggiori si potrebbero immaginare. 👾 In questo ammetto che Curran è stato davvero bravo. Sopratutto nel mostrare quanto poco basti per distruggere una mente umana. . . Ve ne parlo per bene sul blog! Ho pubblicato ieri, ma mi ero dimenticata di averlo programmato😅 . Amanti dell'horror, non potete farvelo scappare ☠️ . #DeadSea #TimCurran #Dunwich #DunwichEdizioni #horror #splatter #booksofinstagram #bookblogger #booknerd #bookstagrammer #booklovers #book #bookish #leggere #leggerechepassione #reading #leggeresempre #booknow #leggerefabene #bookblog #booklover #read #booklove #bookshelf #amoleggere #bookaholic #libridaleggere #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT

venerdì 16 agosto 2019

Bello bello bello 😍 Eh si, sono entrata in un nuovo trip da anime. Ho passato il ferragosto a divorare le prime due stagioni di Tokyo Ghoul...mai passato meglio 😎 . Me lo avevano consigliato, ma non avevo mai avuto la spinta per iniziarlo e portarlo a termine. Di solito valuto se ne ho il tempo, perché (a meno di farmi totalmente orrore) cerco di portare a termine quello che inizio subito. Altrimenti non lo finisco mai. . Ma non immaginavo mi avrebbe conquistato così tanto! Davvero una storia interessante che sa bilanciare molto bene la quotidianità a situazioni più estreme. . I finali sono semplicemente: WOW! Lasciano lo spettatore incollato allo schermo, curioso di scoprire come si chiuderà quella faccenda e nonostante tutto in preda a mille emozioni, spesso contrastanti e rapide fra loro. . . La trama è molto semplice: Ken Kaneki è un giovane umano, gentile, intelligente, forse un po' ingenuo, che una notte viene assalito da un Ghoul, Rize, ma quando sta per essere divorato lei viene colpita da alcune travi d'acciaio che crollano da un edificio. Entrambi portati in ospedale d'urgenza, verranno trapiantati gli organi di Rize a Ken. Quest'operazione lo farà diventare mezzo Ghoul. Spiazzato, terrorizzato e solo, troverà rifugio ed amicizia nell'Anteiku. Un locale che frequentava già prima della trasformazione, scoprendo che è un rifugio e la sede di un gruppo di Ghoul pacifici. . . Lentamente dovrà fare i conti con la sua nuova natura e trovare una sorta di equilibrio, nonostante non sia facile. Sopratutto per colpa della fame che lo attanaglia. I Ghoul infatti si nutrono solo di carne umana. Il resto del cibo è orribile per loro. Tranne il caffè☕ . . Vedremo come maturerà, nel mezzo fra queste due culture così diverse e con un odio profondo l'una per l'altra. Ci portarà a riflettere, a capire meglio entrambi e a detestarli a fasi alterne per scelte che, a mente distaccata, sono davvero insensate. . . Un percorso che lo vedrà cambiare profondamente, anche se sotto sotto resterà lo stesso. . Bellissimo!❤️ Ora mi butto sulla terza stagione e poi cercherò di capire se l'adattamento dal manga (omonimo) è stato fedele o no ✌️


via IFTTT

Opinione: Dead Sea, di Tim Curran


Il mare non rinuncia mai ai suoi morti.

Preparatevi a un viaggio in un luogo sconosciuto all’umanità. Uno spazio tra gli spazi. Quando la Mara Corday, una vecchia nave da carico, entra nel Cimitero dell’Atlantico, l’incubo diventa realtà. L’equipaggio si ritrova intrappolato in un mondo in cui il tempo non esiste e in cui dimorano orrori inimmaginabili. Persi in quel mare immobile, in un aldilà dove il male si manifesta in forme terribili, i sopravvissuti della Mara Corday hanno l’eternità per trovare una via d’uscita… se prima non saranno uccisi dalle creature che danno loro la caccia.

Curran resta sempre un mistero per me. Scrive un genere che adoro alla follia e che è davvero difficile da trovare in Italia, eppure non so mai se quello che starò per leggere sarà stupendo oppure orribile. 
E non parlo delle parti splatter, ma della storia che a volte è così folle che non riesco a starle dietro, annoiandomi a morte e dovendola bocciare. 
In questo caso, mi è andata davvero bene! 
Splatter, mostruosità, protagonisti e emozioni umane sono ben bilanciate, creando qualcosa di interessante. 

Un romanzo ambizioso, con le sue 529 pagine, raccontato in modo corale attraverso tanti personaggi, ma mai troppo banale. Ci sono situazioni in cui tutto diventa assurdo e mi sono chiesta se quella fosse una strada che avrebbe percorso fino alla chiusura, potendo rovinare tutto. Ma per fortuna sono durate molto poco e il romanzo è continuato al meglio, stupendomi. 

E' uscito il 2 agosto, ci ho messo un po' per leggerlo. Curran è interessante, ma non scorrevolissimo e (eh si) ho ancora a tratti blocchi da lettore, che colpiscono a caso. Mi sono presa anche del tempo per pensare a cosa scrivere, perchè voglio farvi incuriosire ma dirvi proprio il minimo indispensabile. 
Dovete affrontare il viaggio come i protagonisti, alla cieca, senza sapere dove la mente di Curran, e una misteriosa nebbia, vi condurrà. 

Ci troviamo nell'oceano, sulla Mara Cordai, una nave da carico che deve portare uomini ed attrezzature da Norfolk a Kaw, in Guiana, dove avrebbero dovuto lavorare. Passando vicino al temuto Triangolo delle Bermude o Mar dei Sargassi. Ogni marinaio (e non solo) conosce le leggende che circondano quel luogo così misterioso, ma non sanno che a breve scopriranno da sè cosa si nasconda in quelle acque. 
Inizierà dalla nebbia. Una banale, fastidiosa, profonda ed inquietante nebbia che circonderà la nave in pochissimi minuti. Qualcosa di già vissuto dall'equipaggio di marinai, ma che in breve si trasformerà in un esperienza di sopravvivenza. 

Una storia che si muove fra la fragilità della mente umana in situazioni estreme e gli esseri che stanno per spuntare dagli abissi, che nemmeno negli incubi peggiori si potrebbero immaginare. 
In questo ammetto che Curran è stato davvero bravo. Sopratutto nel mostrare quanto poco basti per distruggere una mente umana. La nebbia e l'oceano, il non vedere cosa ci sia intorno ne sotto. Sentirsi piccoli, spaventati, sperduti, impotenti. Lentamente, dai più deboli ai più forti, tutti inizieranno a fare i conti con sensazioni sempre più stressanti e pressanti, spesso solo create dalla propria immaginazione. 


Un romanzo descritto come claustrofobico e disturbante. E non me la sento di dissentire, nonostante per me sia stata acqua fresca. 
Mi è piaciuto moltissimo, ma non mi ha creato vuoto allo stomaco. In qualche scena, con sforzo, sono riuscita ad immedesimarmi in quel contesto (il sentirsi piccoli nella vastità ed il non sapere cosa può spuntare dalle profondità, in particolar modo). Mi sono concentrata su alcune immagini che ricordavo e che mi hanno in qualche modo provocato un senso di ansia, per quanto siamo piccoli in confronto a tante cose. 
Ve le propongo, che magari possono farvi comodo per iniziare a prepararvi!
Un romanzo piuttosto scorrevole e che gli amanti dell'horror non dovrebbero farsi scappare assolutamente.
Ringrazio davvero tanto la Dunwich (sia per averlo portato in Italia, che) per avermelo mandato e credo che farò un pensierino sul cartaceo (quando uscirà), che starebbe proprio bene insieme agli altri volumi dell'autore.

Una lettura interessante e molto vasta, che non si limita ai mostri e lo splatter (anche se ce n'è parecchio, resta sempre Curran!), ma mostra la fragilità e credo sia il primo suo che permetta in maniera così forte di entrare in empatia con i protagonisti. 

Se questo genere non fa per voi, lasciate stare. 
Se volete tentare ma non siete sicuri, leggete altro, anche dello stesso autore per capire se può fare per voi, poichè questo (a mente distaccata) può essere davvero molto forte da leggere. 
Non è per tutti. SIete avvertiti.

martedì 13 agosto 2019

È da un bel po' che non vi faccio più vedere gli ultimi arrivi. Dovrei fare una storia, ma sto aspettando un ordine per fare tutto insieme (ed è quello che mi dico ogni volta 💸💸) . Ma nel frattempo usiamo questi nuovi arrivi per riempire un po' questa bacheca, fin troppo vuota ultimamente! Ho recuperato l'ultimo volume della trilogia "Contro Natura" di Mirka Andolfo. . Che dire di questa storia senza fare Spoiler? . Una lettura veloce ma estremamente ricca e, ahimè, con contenuti attuali. I temi affrontati non sono facili e viene usata questa società (possiamo dire distopica) per parlarne e mostrare al meglio gli effetti di troppe "idee", che sono solamente stronzate. . L'uso di personaggi che derivano da animali completa il quadro permettendo, attraverso i nostri stereotipi associati a quel regno, di identificare meglio particolari problematiche. . Una delle quali: la razza. Ogni animale deve stare con uno della stessa specie. Ed ovviamente del sesso opposto. Tutto il resto è (appunto) contro natura. . La nostra protagonista è una giovane maialina che sta per essere inserita in questo programma per trovare compagno. Eppure nei suoi sogni c'è un lupo che le scalda il cuore (e non solo). . Ma non è tutto così semplice (ormoni e passione "fuorilegge"), perché questi sogni nascondono ben altro, qualcosa di antico e potente, che attendeva solo Leslie per poter rivedere la luce. Qualcosa che potrebbe portare tutto alla rovina, peggiorando ancora di più le cose nel mondo... . . Si empatizza subito con Leslie. Giovane, intelligente, normale, ma trattata male perche "diversa" (in carne, capelli blu,...) nonostante sia dolcissima. Questo viaggio la metterà alla prova, perché dovrà scontrarsi anche con sé stessa per superare i vari ostacoli, mentre la verità viene a galla. Rivelando anche dettagli sulla sua infanzia e le sofferenze vissute. . Una "porcellina" forte e tenace, che sa il fatto suo e dimostrerà chi è davvero. . . L'unica pecca è che forse nell'ultimo volume le cose si chiudono in maniera troppo veloce. Ho avuto questa sensazione, anche se...sarà davvero la fine? [continua]


via IFTTT

domenica 11 agosto 2019

Non si resiste ai Fantasy Anni 80😎 . Se non avete mai sentito parlare di questo film, tranquilli, nemmeno io fino a qualche giorno fa. . Mio fratello aveva sentito di una produzione Netflix molto particolare ed abbiamo scoperto che la storia sarebbe stata il prequel di questo film, uscito nel 1982. Incuriositi, nemmeno il tempo di cercarlo che Netflix l'ha aggiunto nel suo catalogo. Quindi: da non lasciarsi scappare. . . La particolarità è che è girato interamente con pupazzi e burattini! Un lavoro davvero straordinario. Non per niente alla regia c'è Jim Henson (il padre dei Muppet e regista anche di "Labyrinth"). . . La trama è semplice eppure ben ideata. Un mondo sull'orlo della fine, diviso fra due fazioni molto antiche seppur morenti: i Mistici e gli Skeksis. I primi buoni, che portano avanti antiche tradizioni. I secondi crudeli, che traggono potere attraverso il Cristallo Nero (Dark Crystal). Questo cristallo si ruppe molto tempo indietro ed una profezia dice che dovrà esser riparato da un prescelto per riportare la pace, oppure... Sapete già: tenebre eterne. Ed il prescelto è Jen, ultimo della sua specie (Gelfing), sterminati quando lui era piccolo dagli Skeksis, e salvato dai Mistici. . Come prevedibile, dovrà farsi forza ed intraprendere questo viaggio verso il mondo a lui sconosciuto per poter salvare tutti. Molto anni 80! . . Davvero molto carino e ben fatto. Il finale originale, nonostante tanti dettagli prevedibili. Una chicca che non conoscevo e sono stata felice di recuperare. . . Ed ora attendo la serie che uscirà a fine mese, ovvero: Dark Crystal: La Resistenza. . Fatevi tentare!!! . . #DarkCrystal #TheDarkCrystal #JimHenson #FrankOz #Mistici #Skeksis #Gelfing #Jen #DarkCrystalLaResistenza #Netflix #netflixitalia #fantasy #fantascienza #fantastico #avventura #animazione #film #davedere #anni80 #freepik #viaggiatricepigra


via IFTTT