mercoledì 30 marzo 2016

Opinione: Assurde Cronache Dell'Apocalisse, di Carlotta Pollini

http://www.amazon.it/gp/product/B018R7W37U/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=B018R7W37U&linkCode=as2&tag=viaggiatricep-21
 (cliccando sull'immagine si va su Amazon)


E se una mattina ti svegliassi e realizzassi di essere morto? Come reagiresti? Isacco si risveglia in un obitorio e, dopo aver derubato il medico che stava per effettuare l'autopsia, scappa. Privo di qualsiasi ricordo e scarsamente dotato di una certa moralità, per le strade di Firenze incontra un ragazzo disposto ad aiutarlo: gli offre ospitalità e un porto sicuro. E quando Isacco gli rivela la sua vera natura di morto vivente, il coinquilino, affatto sconvolto, lo accompagna da Camilla, la sensitiva più potente di tutta l’Europa.
Finisce per diventare lo zombie assistente della medium instaurando un rapporto basato su acidi gastrici mortali e minacce di motoseghe. I loro destini sembrano intrecciarsi sempre più tra bizzarri incontri con vecchie medium pazze, incarichi di disinfestazione spirituale e fantasmi da guardia. Mentre alle loro spalle si delinea il profilo di un uomo calvo che sta per scatenare un'apocalisse di riti voodoo... forse…


° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °  

Ringrazio la Inspired Digital Publishing per l'opportunità di averlo potuto leggere.
Come saprete, adoro gli horror! 
Questa piccola CE non lo sapeva ma mi ha fatto un regalo mandandomi questa storia da recensire, perchè, a parte qualche piccolo 'Ni', mi è piaciuta e sono curiosa di sapere come continuerà....

Ma facciamo un passo indietro.
Il nostro protagonista è Isacco, o almeno crede di chiarmarsi così, perchè un giorno apre gli occhi e si ritrova steso su un tavolo da obitorio, poco prima che il medico gli facesse un'autopsia.
Non ha altri ricordi tranne questo nome e, muovendosi tra le strade di Firenze, si ritrova senza sapere come a far amicizia con Alessandro che lo porta a casa sua.

Ok, fermi...capisco che la stuazione è strana, che è un fantasy-horror umoristico (si, tranquilli, niente paura! E' per tutti), ma certe scene sono davvero fantasy: incontri una persona in mezzo ad una citta e in due orette lo inviti a restare a casa tua? Boh, sarò io ad essere strana! 

L'unica altra nota stonata all'inizio è il continuo ripetere "morto": "...sono morto...", "...un morto vivente fa....", "....un morto non fa...",.... 
Ho capito che sei scioccato e sei morto, ma basta ti prego!
Per fortuna questa parentesi si chiude abbastanza velocemente...

Comunque, lentamente Isacco si renderà conto che non è uno zombie come nei film horror, ovvero non sente la voglia di uccidere persone e mangiargli il cervello (un'altra fissa oltre "sono morto"), ma capirà che ci sono altre stranezze e necessità diverse da quando era vivo. 
E che insieme a lui scopriremo.

Alessandro capirà cosa è in realtà e la prenderà decisamente troppo bene, del tipo "Sei uno zombie, ok, fico!"...parafrasato molto eh!!!
Scopriremo in fretta perchè non è così scioccato, infatti lo porta da una sua...conoscenza, perchè non so se amica sia il termine più corretto (capirete leggendo il motivo):
Camilla, una sensitiva molto potente e molto strana, che inizierà a portarselo dietro come un cagnolino, per proteggersi durante il suo lavoro molto vario.
Inutile dire che tra i due fin da subito ci sarà un rapporto di odio/amore, ma lei lo aiuterà a capire come mai è in quella condizione, perchè zombie si diventa solo se qualcuno ti uccide e ti trasforma. 
Ma anche risolvendo quel mistero, si imbatteranno in qualcosa di peggiore, che potrebbe causare la fine del mondo....

In generale non mi è dispiaciuta come storia, è originale, ben scritta,...divertente (non da spanciarsi, ma qualche sorriso lo strappa al lettore).
Mi spiace per l'inizio, che rende la lettura un po' pesante con tutte le ripetizioni che accennavo prima, e la fine troppo veloce e sbrigativa...
Di positivo c'è che, da come si conclude, si preannuncia un seguito, che sarà più avventuroso e (tolte tutte le premesse) più interessante; o almeno io lo immagino così, per sapere se ci ho visto giusto aspetto per leggerlo.

Un libro che consiglio a chi vuole avvicinarsi all'horror ma ne ha paura, questo è fatto per voi; una storia che non vi farà tener la luce accesa e aver paura di metter un piede fuori dalle coperte di notte.
Per chi adora i B-Movie (quelli fatti bene) e per chi adora l'horror, ma è stanco di sentire sempre la solita solfa o di leggere qualcosa che dovrebbe ma non fa paura...quì brividi per ora non ci sono, ma la storia vi può piacere ugualmente.

Insomma, un libro piacevole e interessante; ad un prezzo giusto ed onesto (solo digitale per ora), e che vi farà scoprire un'autrice che, almeno io, seguirò perchè mi incuriosisce e voglio vedere cos'altro scriverà.

Nessun commento:

Posta un commento