giovedì 13 aprile 2017

13 Reasons Why: Libro VS Telefilm

Attenzione.
Conterrà Spoiler relativi al Libro e alla Serie Tv.
Siete avvertiti se volete continuare a leggere....
 
Da lettrice incallita, non potevo non fare questo paragone!
Ho letto prima il libro e devo ammettere che ero indecisa se guardare la serie oppure no, perché i libro mi era piaciuto e temevo di rovinarmelo guardandola.
Fortunatamente non è stato così.

Sono riusciti a tirar fuori una serie che segue il libro ed è abbastanza coerente, ovviamente ci sono molti MA, che scriverò sotto.
Hanno scelto di dedicare una puntata per ogni cassetta che Hannah ha registrato per ogni persona che ha fatto parte della sua storia e che l'ha portata al suicidio: 13.
Appunto, come il titolo: "13 Reasons Why" o "Th1rteen R3asons Why", ovvero "Tredici Ragioni (sul) Perché" tradotto pari pari.

Una scelta "sbagliata" è la lunghezza degli episodi, a mio parere, perché occupare 50 minuti a puntata per 13 volte è difficile (considerando il materiale di partenza), e hanno messo tanti elementi che a volte sono un'aggiunta e permettono di approfondire, altre sono proprio fuori luogo ed appesantiscono la visione.

Nel libro tutto avviene in una notte:
Clay scopre i nastri tornando da scuola e inizia ad ascoltarli, ma dovendo muoversi seguendo la mappa che Hannah ha lasciato, ruba un vecchio walkman dal suo amico Tony, così per tutta la notte ascolterà i nastri, scoprendo cosa ha fatto ognuna delle persone coinvolte in questa situazione, ognuna con una colpa che ha provocato un effetto farfalla, partendo da un piccolo sassolino che si è tramutato in valanga, travolgendo la vita di Hannah e portandola ad una scelta senza ritorno.

Questo in breve.
Vediamo qualcosa di più nello specifico e le differenze tra il libro e il telefilm.

Nel libro a lui lei piace, ma non fa nulla. Sappiamo che lavoravano insieme ma nessun altro particolare di amicizia come viene invece suggerito dalla serie tv, in cui sono molto più intimi e vicini.
In entrambi si vede e si percepisce il profondo sentimento che prova ancora per lei e che vorrebbe avere un'altra possibilità per dirle cosa sente e, magari, riuscire a salvarla.

Come genitore solo la madre di Clay appare ogni tanto, ma non è mai così scassapalle come nel telefilm. E' preoccupata per il figlio e si rende conto in fretta che non è fuori casa per un compito, ma gli lascerà il suo spazio.

Mentre nel telefilm è assillante in maniere allucinanti, l'unico che si salva è il padre, che si fa gli affari suoi e ogni tanto frena la moglie.
Compaiono anche i genitori di Hannah, che hanno fatto causa alla scuola per quello che è successo, mentre nel libro sappiamo solo che hanno un negozio di scarpe che chiudono dopo il lutto.
E' "interessante" vedere il lutto e cosa comporta la perdita di un figlio per un suicidio nei genitori, sono riusciti a renderlo molto bene in questo telefilm.
Un'aggiunta che ho apprezzato e che arricchisce la serie.

I compagni di scuola sono piuttosto azzeccati, a parte qualche piccolo dettaglio. Non vengono spiegate etnie nel libro, ma la scelta di mettere più figure è azzeccata.
Alcune differenze, in breve:
Scusate se alcune sono un po' a caso, vado a memoria, cercando di avvicinarle sia per tematica che per puntate; se sbaglio o dimentico qualcosa, scrivete pure nei commenti

- Nessuna combriccola di studenti contro Clay per "fermarlo".

Lui ascolta i nastri e li passa altrove. Tutto quello collegato a questo è aggiunto.
-
Nessuna foto ma le voci girano per Hannah quando esce con Justin, perché per lei è stato un bacio ma lui ha lasciato intendere molto di più.
- Nel negozio (dove Hannah viene molestata), quando Clay entra prende il cioccolato come lei ed esce, senza incontrare Bryce o gli altri suoi amici.
- Courtney provoca Hannah (facendosi fare un massaggio, per istigare lo stolker) e per tirarsi fuori dai casini (dovuti alle foto di Tyler) rivela in giro che ha un cassetto pieno di cose strane, non che sia lesbica.
- Clay non fa la foto a Tyler dalla finestra
- Non c'è festa della scuola ma una festa qualunque dove Courtney chiede ad Hannah di accompagnarla (fingendosi amica per scroccare un passaggio).
- Alla fine della festa torna a casa con Tyler, non salva Jessica ubriaca marcia.
- Tony ed Hannah si conoscono perché lei gli regala la bici e gli chiede se ha qualcosa per registrare le cassette. Invece nella serie si conoscono quando l'auto di lei non parte alla festa scolastica.
- Tony nel telefilm è gay, nel libro non viene menzionato nulla.
- Anche Courtney non si dice che sia lesbica (anche se si sospetta) ne che abbia due padri; è un'aggiunta al romanzo.
- Clay non porta Courtney al cimitero. Hannah è stata seppellita nella vecchia città.
Non c'è stato alcun funerale (cosa che coincide).
- Tony non ha mai perseguitato e protetto Clay così tanto come avviene nel telefilm; lo ha seguito solo per quella notte per fargli da supporto (intuendolo quando si accorge del walkman mancante) per quando avrebbe ascoltato la sua cassetta e per raccontagli della sua parte della storia.
Questa parte coincide abbastanza con il telefilm, infatti lo supporta quando ascolta la sua cassetta (nel telefilm la 6A, nel libro la 5A)
- Tony non ha mai assistito al ritrovamento del cadavere di Hannah, ma si sente in debito verso di lei e tiene le altre cassette, sorvegliando gli altri, pronto ad intervenire.
- Hannah non perde i soldi del negozio dei suoi, non ci lavora, ne c'erano problemi economici, per quello che sappiamo.
 - Hannah viene molestata pesantemente (o stuprata) dal Bryce che le infila una mano negli slip, durante il suo party a casa sua, mentre nel telefilm si assiste ad un brutale stupro.
In entrambi i casi ne esce devastata.

Il finale...
Nel libro Clay torna a scuola dopo aver mandato i nastri altrove, vede Skye (che viene solo accennata, come una sua vecchia amica, che ha cambiato stile ed è strana di recente) capendo che qualcosa non va e, dopo Hannah, capisce che deve fare qualcosa, andando a parlarle. E si chiude così.
Con un messaggio di speranza.

Invece nel telefilm è tutto più ampio.
L'ultima puntata l'ho trovata forte e debole allo stesso tempo.
Tutti i nodi vengono al pettine e decidono tutti (chi più chi meno) di parlare.
Molto forte la scena del suicidio, deve troviamo Hannah alle prese con quella decisione e di portarla a termine. L'attrice è ottima e fa sentire tutta la carica emotiva di quel momento.

Justin non ha una casa, ne un posto dove stare.
Jess confessa a suo padre cosa è accaduto. Cosa Bryce le ha fatto. Ma non testimonia su questo.
Alex si spara, finendo in ospedale.
Courtney (credo) riveli ai genitori la verità, ma solo a loro.
Zach e Marcus rivelano la verità durante la testimonianza.
Tyler rivela dei nastri durante la testimonianza e di avere foto incriminanti.
Sheri va a costituirsi alla polizia.
Bryce si ritrova solo. Tutti sanno e nessuno sta dalla sua parte.
Lo psicologo si trova con i nastri, dopo che Clay gli rivela che tutti sanno, ma non si sa cosa farà.
Tony porta una copia dei nastri ai genitori di Hannah, spiegandogli perché non si era fatto avanti prima.

Nell'ultima scena sediamo Tony in macchina con il suo ragazzo, Clay e Skye (a cui si è avvicinato, comprendendo di non doverla lasciare sola), mentre vanno da qualche parte, sapendo di aver lanciato una bomba ma più sollevati per aver fatto venir a galla tutta la verità.

Purtroppo viene lasciato tutto aperto, senza chiuderlo con un vero finale...ed io prego vivamente che non ci sarà mai una stagione 2!!!
Deve rimanere così o rovineranno tutto il magnifico lavoro fatto per rendere al meglio un libro dai temi delicati in una serie televisiva.

Nessun commento:

Posta un commento