mercoledì 13 maggio 2015

Opinione "Via Con Vento" Margaret Mitchell



Via Col Vento - Margater Mitchell
Copertina Rigida: 8,50€ (Edizione del 1963)
Copertina Flessibile: 10,20€(Edizione del 2001)
Kindle: 4,99€
Pagine: 882
Editore: Mondadori

*°* °*° *°* °*° *°*

TRAMA

"Rossella O'Hara è la viziata e capricciosa ereditiera della grande piantagione di Tara, in Georgia.
Ma l'illusione di una vita facile e agiata si infrangerà in brevissimo tempo, quando i venti della Guerra Civile cominceranno a spirare sul Sud degli Stati Uniti, spazzando via in pochi anni la società schiavista.
Il più grande e famoso romanzo popolare americano narra così, in un colossale e vivissimo affresco storico, le vicende di una donna impreparata ai sacrifici: la tragedia della guerra, la decimazione della sua famiglia, la necessità di dover farsi carico della piantagione di famiglia e di doversi adattare a una nuova società.
E soprattutto la sua lunga, travagliata ricerca dell'amore e la storia impossibile con l'affascinante e spregiudicato Rhett Butler, avventuriero che lei comprenderà di amare solo troppo tardi..."


"La società americana che si stava risollevando dalla profonda crisi economica iniziata dopo il crollo della borsa del 1929 accolse con un entusiasmo senza precedenti il messaggio del romanzo, facendolo entrare a buon diritto, anche grazie alla memorabile trasposizione cinematografica con Clark Gable e Vivian Leigh, tra i classici della letteratura contemporanea."

*°* °*° *°* °*° *°*



AUTRICE

Nel 1926 Margaret sposa John Marsh, un agente pubblicitario, e lascia il lavoro per poter dedicarsi alla letteratura. Nello stesso anno comincia a scrivere un romanzo, la cui lavorazione la terrà impegnata per dieci anni. Il libro viene stampato e distribuito nel giugno del 1936 col titolo Via col vento (Gone to the Wind), prendendo a prestito il verso suggestivo di una poesia di Ernest Dowson. Ed è subito un successo strepitoso: in sole quattro settimane vengono vendute ben 180.000 copie.

Nel 1937, grazie al suo romanzo, la Mitchell vince il Premio Pulitzer e l'anno seguente è candidata al Premio Nobel per la letteratura. Visto il grande successo, quasi immediatamente partono le trattative col produttore cinematografico David O. Selznick, che dal libro vuole trarre un film. Margaret fa molta resistenza e non vorrebbe partecipare né alla stesura della sceneggiatura, né alla scelta del cast. Nel 1939, dal romanzo è stato tratto il film Via col vento con Vivien Leigh, Clark Gable, Olivia de Havilland e Leslie Howard.
[...]
Dopo la guerra, Margaret ritorna a casa con il proposito di riprendere a scrivere.
La sera dell’11 agosto 1949, mentre attraversa una strada della sua città, un taxista ubriaco non si accorge di lei e la investe: Margaret Mitchell muore il 16 agosto 1949 dopo cinque giorni di coma.
Sulla vita della scrittrice è stato realizzato un film tv: La travolgente storia d'amore di Margaret Mitchell (1994), interpretato da Shannen Doherty."

(Informazioni da Wikipedia)


*°* °*° *°* °*° *°*

OPINIONE


Era da molto che ero incuriosita da questo libro e volevo leggerlo, ma questo desiderio si è fatto più forte solo un paio di settimane fa e....l'ho divorato!
Ok, ci ho messo un pò a leggerlo (per i miei standard), ma è stata una lettura incredibile.
Non avrei mai immaginato che dietro quel libro che pensavo fosse solo "un mattone" e quel film "lunghissimo" ci fosse una storia così avvincente, originale, profonda e....bella!
Come per molti lunghi libri, arrivare a metà è stata dura, ma finirlo una discesa, anch'essa non facile, ma ambivalente: devo/non voglio finirlo.
Una "lotta" terminata ieri, con gli occhi in fiamme per riuscire ad arrivare alle ultime righe e concluderlo, per ritrovarmi a pensare con delusione di averlo finito.
Una tristezza immane che non vi fosse un seguito, che fosse stato scritto quasi 80 anni fà e quindi nessuna possibilità che l'autrice possa scriver altro di questi personaggi così indimenticabili....continua su Ciao.it

Per saperne di più riguardo ai personaggi, la versione integrale, e altro.....leggete la mia opinione su Ciao.it

Nessun commento:

Posta un commento