venerdì 31 marzo 2017

Opinione: Apparition, di Connie Furnari

http://amzn.to/2nhVpfr
(cliccando sull'immagine si va su Amazon)

Si sentono strane storie, riguardo alla Lowland Academy, un vecchio college sperduto tra le desolate colline delle Highlands scozzesi. Quando Edwin arriva da Edimburgo, una nuvolosa mattina d’autunno del 1979, scorge un ragazzo che indossa la sua stessa uniforme scolastica, osservarlo dall’ultimo piano dell’edificio, rimasto disabitato da quando venticinque anni prima un incendio lo ha distrutto. Nessuno vuole parlare di quello che è accaduto quella notte del 1954. I docenti soprattutto, mantengono un atteggiamento sadico e glaciale nei confronti degli studenti, praticando ogni genere di vessazioni psicologiche e corporali. Edwin viene a sapere che quella notte alcuni ragazzi della scuola sono scomparsi nel nulla, durante l’incendio. La Lowland Academy è infestata da oscure presenze che non trovano pace, forse perché è stato fatto loro qualcosa di estremamente crudele. Quando alcuni studenti della scuola cominciano a manifestare segni di possessione, Edwin decide di indagare aiutato da Mya, una sua compagna di classe, e dai suoi amici più fidati. I loro sospetti cadono subito sul professor Riddell, tormentato più di ogni altro dai fantasmi, forse per le conseguenze di qualcosa di orribile che ha fatto, o continua a fare, fra le mura di quel collegio. Deciso a svelare i misteri della Lowland Academy, Edwin entra in contatto con Snake, il ragazzo che lo aveva osservato dalla finestra il giorno del suo arrivo, e capisce che gli spettri non si fermeranno finché non avranno ottenuto ciò che vogliono.

Apparition è una storia di fantasmi che trasporta in un’atmosfera onirica, in una scuola infestata da oscure presenze che non sono ciò che appaiono. La vicenda si svela pian piano, fino all’inatteso finale, con atmosfere paranormal thriller e horror. È un racconto per ragazzi dalla narrazione dinamica, ispirato alla celebre canzone Another brick in the wall dei Pink Floyd.

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °
 

Ho approfittato di una giornata in cui l'autrice lo ha messo a disposizione gratuitamente per scoprirlo e leggerlo. E ne sono contenta.
 
Il protagonista è un ragazzo, Edwin, che vive alla fine degli anni '80, che viene obbligato dal padre e dalla matrigna a stare in un collegio, cosa che detesta vista la perdita della madre (piuttosto recente) e il fatto che l'unico genitore rimasto si preoccupi più per la sua nuova compagna che non di lui.
Appena arrivato si accorge che c'è qualcosa che non va. All'ultimo piano dell'edificio un ragazzo lo fissa, ma ha qualcosa di strano. Lo inquieta.
Scoprirà che negli anni '50 c'è stato un incendio che ha distrutto quel piano, ormai chiuso, e portato alla morte di diversi studenti, ma nessuno ne vuole parlare, trovarne i dettagli sarà difficile, per molti versi.
 
Quel ragazzo visto il primo giorno inizia a contattarlo, provocando scompiglio nella scuola...e non sarà l'unica presenza a farsi viva dall'inizio dell'anno.
Gli insegnanti si comportano come se nulla fosse, inoltre si rivelano crudeli, punendo gli studenti anche con violenza.
 
Dopo una nottata passata in esplorazione con alcuni amici, Edwin si rende conto che hanno esagerato e che per colpa loro gli eventi si stanno aggravando, costringendolo ad indagare su cosa sia successo davvero quella notte di tanti anni prima a quelle vittime....e portandolo a scoprire qualcosa di inaspettato, che lo condurrà in una strada pericolosa.
 
Un racconto interessante e piacevole da leggere, anche se a tratti troppo veloce e a volte risulta quasi "superficiale", sentendo la mancanza di dettagli più approfonditi per godersi appieno questa storia.
 Rispetto a tante altre di generi simili, questa mi è piaciuta parecchio ed è tra le più carine ed intriganti, eppure ho sentito che mancava qualcosa.
Una mancanza che però fa apprezzare ugualmente questo racconto, non lo penalizza più di tanto.
Quindi, non lo sconsiglio affatto, anzi.
Chi cerca un racconto dai toni oscuri, ma senza sfociare nell'horror, potrà leggerlo e goderselo senza paura.
Per chi ama gli horror, invece, può godersi comunque la trama originale.
Non farà paura, ma è interessante.
Segnatevelo....



Nessun commento:

Posta un commento