martedì 30 giugno 2015

"Iris. Un amore meccanico" di Judd Trichter



Titolo: Iris. Un amore meccanico
Autore: Judd Trichter
Uscita 25 Giugno 2015
Editore: Fanucci Editore



Trama


Una storia appassionante, in un futuro oscuro e insondabile che segnerà il nostro immaginario fantascientifico.

Eliot Lazar lavora per una compagnia che produce e vende spinner, gli androidi, simulacri di esseri umani creati a servizio degli heartbeat, gli uomini. La sua fortuna – o sfortuna – è quella di innamorarsi di una spinner modello C-900, Iris Matsuo: nella Los Angeles di fine XXI secolo le relazioni tra heartbeat e spinner, lasciate spesso impunite dalla legge, rappresentano un’offesa sociale, un crimine morale da perseguire. Eliot e Iris decidono allora di trasferirsi nell’isola artificiale di Avernus, una sorta di Stato pirata dove tali pregiudizi non esistono. Ma una notte, prima della partenza, Iris scompare. È stata rapita, smembrata, e le sue parti sono state vendute. Incapace di andare avanti senza di lei, Eliot ha ora un unico scopo: ritrovare ogni pezzo di Iris e rievocare la sua anima. Sullo sfondo di una città in cui uomini e macchine sono in lotta per il potere, Eliot intraprende la sua personale, sanguinosa missione, che lo condurrà sull’orlo di un precipizio da cui è impossibile salvarsi... almeno come uomo.




Autore

Judd Trichter è un alunno della Yale University e la Scuola di Horace Mann nel Bronx. Nato e cresciuto a New York City, è stato un attore bambino che ha continuato la sua carriera in età adulta prima di passare in uno scrittore. Judd attualmente vive a Los Angeles, dove si diverte a bere whisky, ad ascoltare il blues, e guardare ogni incontro di pugilato che possibile. "Iris. Un Amore Meccanico" è il suo primo romanzo. (Tradotto, alla buona, da http://juddtrichter.com/about-judd/)




Intervista su "My Bookish Way"

Link dell'intervista originale e completa del 28/01/2015, in inglese:
http://www.mybookishways.com/2015/01/an-interview-and-giveaway-with-judd-trichter-author-of-love-in-the-age-of-mechanical-reproduction.html


Quindi, il tuo nuovo libro, "Iris. Un Amore Meccanico" (in Inglese "Love in the Age of Mechanical Reproduction")... miglior titolo assoluto! Vuoi dirci qualcosa su di esso e che cosa ti ha ispirato a scriverla?
Ho recentemente riletto il mito di Orfeo in Metamorfosi di Ovidio e non sono riuscito a smuoverlo dalla mia testa. Allo stesso tempo, avevo appena scritto un racconto, "Dea Ex Machina", che ha caratterizzato un personaggio che era mezzo coreano e metà androide. Mi venne in mente che avrei potuto combinare questi due elementi come un modo di ri-esaminare la storia della discesa di Orfeo. Una volta ho avuto l'idea, mi ci sono voluti circa un minuto per venire con la logline [?!?]. Penso che sia stato qualcosa di simile: dopo che il suo androide-fidanzata viene rapita, fatta a pezzi, e venduto per le parti, un uomo va in un viaggio per recuperare le sue parti di metterla di nuovo insieme. Per quanto riguarda il titolo - vi ringrazio per il complimento - che è venuto più avanti nel processo. Si tratta di un riff su Walter Benjamin "The Work of Art in the Age of Mechanical Reproduction". Nel senso che l'arte è influenzato dalla tecnologia, il mio titolo è destinato a mettere in discussione come l'amore è influenzata da innovazione e quale potrebbe essere il ritorno di fiamma di tale influenza.

Dicci di più su Eliot, e perché pensi che i lettori saranno il tifo per lui.
Eliot è qualcuno che ha trovato uno scopo nella vita attraverso l'amore, anche se è l'amore di un androide. Così, quando Iris è portata via, è tornato a zero di nuovo, tossicodipendente, con un lavoro per il quale non ha alcuna affinità, partecipando ad un sistema di cui lui è molto criticato. Se Iris non fosse un robot, forse i lettori direbbero, Oh, è meglio per Eliot per passare oltre la perdita, non si deve soffermare sul passato e così via. Ma ciò che è sconfortante della situazione di Eliot è che Iris è un robot, che può essere recuperato, e che tipo di uomo sarebbe se lui non facesse un tentativo? Credo che il tifo per lui perché Eliot è un ragazzo che sta cercando di fare la cosa giusta in un mondo indecente.

[.....]

Quali sono alcuni dei tuoi autori preferiti? Ci sono dei libri che stai cercando l'ora di leggere quest'anno?
Mi piace mitologie e testi antichi. Kafka è uno dei preferiti, il modo in cui è stato in grado di attingere ai misteri e le paure dell'esistenza con il suo umorismo nero come la pece. Shakespeare mi travolge. Ho letto Faulkner, Melville, Conrad, Cormac McCarthy, Philip Roth, Stefan Zweig, James Joyce, Samuel Beckett, Don DeLillo, Orwell, Dostoevskij e Tolstoj. Mi piacciono gli autori che affrontano le grandi domande, ma mi piacciono anche i grandi stilisti americani come Bukowski, Hunter S. Thompson e certi scrittori noir polizieschi, come Charles Willeford e James Crumley. Per fantascienza, mi piace Vonnegut, Orwell, Jack Womack, William Gibson, e Philip K. Dick.

Cosa stai leggendo?

In questo momento sono al terzo volume di Lyndon Johnson biografia di Robert Caro. Caro è il miglior biografo che abbia mai letto. Si potrebbe scrivere un 2000 Bio di Kato Kaelin, e probabilmente sarei leggerlo. Il libro è un po 'pesante da portare in giro, però, quindi sono anche leggere inerente Vice di Pynchon, allo stesso tempo.

Quando non sta scrivendo, come passi il tuo tempo libero?
Ho una malsana ossessione con lo sport del pugilato. Guardo i combattimenti ogni Venerdì e Sabato notte. Ho letto ogni articolo scritto su questo sport. Ascolto podcast come nell'angolo Boxing Radio quando sono in esecuzione.[...]

Quali sono le prospettive per te?
Ho quasi finito con una nuova sceneggiatura chiamata "The Locksmith", che è un dramma criminale ambientato in tempi moderni di Los Angeles. Una volta che è finito, inizierò un altro romanzo. Ho fatto ricerche un omicidio che è accaduto nel mio quartiere a pochi anni fa. Il presunto assassino è stato condannato al carcere a vita, ma non c'è motivo di sospettare la polizia ha ottenuto il ragazzo sbagliato. Sto cercando in questo e potrei solo finire scrivere su di esso.

Nessun commento:

Posta un commento