giovedì 30 luglio 2015

Opinione: "Cecità" di José Saramago



Titolo: Cecità
Autrice: José Saramago
Pagine:
Editore: Feltrinelli



*°* °*° *°* °*° *°*

TRAMA

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.


*°* °*° *°* °*° *°*



AUTORE

Saramago José Scrittore portoghese (Azinhaga, Santarém, 1922 - Lanzarote 2010). Ha acquistato fama internazionale con una produzione narrativa in cui rielaborazione storica e immaginazione allegorica, realtà e finzione si mescolano in un linguaggio tendenzialmente poetico e vicino ai modi della narrazione orale. Tra le sue opere: Memorial do convento (1982; trad. it. 1984); Ensaio sobre a cegueira (1995; trad. it. Cecità, 1996). Nel 1998 ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura, il primo assegnato a uno scrittore di lingua portoghese. (da http://www.treccani.it/enciclopedia/jose-saramago/)



*°* °*° *°* °*° *°*



OPINIONE


Un'autore che ho scoperto per caso, grazie ad un gruppo di "scambio" libri
[.......]

Ed è così che ho scoperto questo autore fantastico!
Finito ieri, non è una lettura facile, nè per il modo di scivere nè per le tematiche affrontate.
Inizierò dal modo di scrivere, perchè è tutto attaccato. I discorsi non sono differenziati dal resto del testo, lo di capisce solamente dalle maiuscole dopo una virgola o da un "disse" o simili, scritti dopo una frase. Tutto molto stretto, concitato, compresso,....che 'aiuta' il lettore ad immedesimarsi in questa storia, che è appunto complessa, claustrofobica a volte (nonostante spesso sia evidente l'opposto) e difficile.

Una storia senza nomi, perchè a cosa servirebbero in un mondo di cechi?! (come spesso ci ritroviamo a leggere).
Li differenziamo dalle professioni, da una caratteristica, da un difetto,.....insomma, l'autore rende ciechi anche noi come loro. Ci fa muovere a tentoni, scoprendo questa epidemia lentamente, come lentamente si manifesta, e portandoci, quasi prendendoci per mano, in queste vite normali, stravolte da questo morbo improvviso ed imprevedibile che con questa cecità bianca sta portando caos e paura, sopratutto l'ultima scopriremo quanto sia pericolosa. Farà scoprire anche gli abissi dell'animo umano, di quanto sia crudele e vigliacco, sia per colpa della paura, sia per gli istinti più barbari che prendono il sopravvento. Ma nonostante questo, come sia possibile sempre che ci sia qualcosa ad opporsi ad esso. Una piccola speranza, una barlume di umanità.....Opinione completa su Ciao.it


*°* °*° *°* °*° *°*



DOVE COMPRARLO

Su Amazon:
Copertina Rigida: 8,08€
Kindle: 5,99€


Su Mondadori:
Copertina Rigida: 8,07€
Kobo: 5,99€


Su Feltrinelli:
Copertina Rigida: 8,07€
Ebook: 5,99€


Su IBS:
Copertina Rigida: 8,08€
Ebook: 5,99€

Nessun commento:

Posta un commento