mercoledì 20 luglio 2016

Opinione: The Program, di Suzanne Young

https://www.amazon.it/program-Suzanne-Young/dp/8851138680/ref=as_li_ss_tl?_encoding=UTF8&qid=1468139937&sr=8-1&linkCode=ll1&tag=viaggiatricep-21&linkId=3031ad59fc0dc1ca582c8c4f3afcc416
(cliccando sull'immagine si va su Amazon) 

Sloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l'epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi... Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L'unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo.

 ° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °
Qualcosa sta sconvolgendo il mondo: il numero degli adolescenti che si suicidano non è mai stato così alto. Non si sanno i motivi di questo ma per porvi rimedio il governo ha inventato il “Programma”, ovvero chiunque sembri a rischio viene portato in una struttura apposita dove viene 'aiutato', riprogrammando la sua mente, cancellandogli tutti i ricordi per farlo 'guarire'.

Sloane ha perso il fratello di recente togliendosi la vita, così si sente sempre gli occhi addosso, perchè considerata vulnerabile, ma ha imparato a fingersi sempre felice per non rischiare di finire nel Programma, non solo a scuola o in giro, ma anche in casa sua, perché persino i suoi genitori potrebbero denunciarla alle autorità, e lei perderebbe tutti i suoi ricordi. 
Una tortura che avrà fine solo ai 18 anni, quando finalmente tutti i giovani vengono dichiarati fuori pericolo e potranno fare ciò che vorranno senza la minaccia costante del Programma su di loro.

L’unica cosa che la fa resistere e le da forza è il suo ragazzo, James, che era anche il migliore amico di suo fratello, senza il quale tutto la farebbe crollare.
Infatti dopo quella perdita ne ha subita un'altra: la sua migliore amica è stata presa nel Programma mesi prima e non si sono ripresi da questa cosa, soprattutto il suo ragazzo Miller, molto amico di Sloane e James.
Purtroppo però le cose non vanno come programmato, perché Lacey sta per iniziare la riabilitazione nel mondo esterno e sarà duro trovarsi davanti ad un'amica senza che lei abbia ricordi di chi tu fossi….soprattutto per Miller che la amava moltisimo, e lei nemmeno ha idea di chi sia.
I tre ragazzi decidono di provare a vedere se Lacey ha qualche vago ricordo, cercando (contro le regole) di permettere a Miller di parlarle, ma come si aspettavano, lei non lo riconosce e lo allontana.
Questo sarà solo il primo tassello di un domino che porterà tutto a crollare nel mondo di Sloane...

Un libro che inizialmente si ha l’idea di aver già letto, ma che andando avanti rivela una trama più complessa e articolata, con vari colpi di scena che non ci si aspetta.
Non dico che sia originalissimo (ormai sono tutti un po' copia/incolla con le trame), però è una lettura molto veloce e piacevole, che in un attimo ti porta a chiudere il volume e chiederti come sarà il seguito.
Non lo sconsiglio, mi ha regalato piacevoli ore di lettura in cui non riuscivo a staccarmi dalle pagine! 

Nessun commento:

Posta un commento