mercoledì 6 luglio 2016

Opinione: Un Altro Giorno, di David Levithan

https://www.amazon.it/altro-giorno-David-Levithan/dp/8817086797/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&redirect=true&ref_=as_li_ss_tl&linkCode=ll1&tag=viaggiatricep-21&linkId=02a42f050cf9b81bc8c876f865637731
  (cliccando sull'immagine si va su Amazon)

Per Rhiannon ogni giorno è uguale agli altri. Accetta la vita come viene e si è rassegnata al temperamento lunatico e freddo di Justin, il suo ragazzo. Justin arriva perfino a dirle come deve comportarsi: non chiedere troppo, non farlo infuriare, non sperare mai. Ma una mattina tutto cambia. Sembra finalmente che lui la veda, che voglia stare davvero con lei: vanno al mare, loro due soli, e la giornata si rivela perfetta. Poi il loro rapporto torna quello di prima, e Rhiannon non può fare a meno di interrogarsi. Finché un estraneo le racconta che il Justin di quella giornata al mare, attento e premuroso... non era affatto Justin. In questo romanzo, che fa il paio con "Ogni giorno", David Levithan racconta la storia vista da Rhiannon, che vuole capire cosa sia davvero l'amore e scopre quanto può cambiarci.

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °
Chiedo venia per il ritardo nel recensire (entrambi!).
Ebbene si, anche il primo libro l'ho letto ma non ne ho mai parlato.
https://www.amazon.it/Ogni-giorno-David-Levithan/dp/8817065331/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&dpID=4121Hts7tuL&dpSrc=sims&preST=_AC_UL160_SR103,160_&psc=1&refRID=YJ49BHCQYVHSYKM17S7R&linkCode=ll1&tag=viaggiatricep-21&linkId=036bb54ea33dbb179bdb327809165cc6  Da quando è nato, A si risveglia ogni giorno in un corpo diverso. Per ventiquattr'ore abita il corpo di un suo coetaneo, che poi è costretto ad abbandonare quando il giorno finisce. Affezionarsi alle esistenze che sfiora è un lusso che non può permettersi, influenzarle un peccato di cui non vuole macchiarsi. Quando però conosce Rhiannon, chiudere gli occhi e riprendere il cammino da nomade è impossibile: per la prima volta innamorato, A cerca di stabilire un contatto, di spiegare la sua maledizione, fino a convincere Rhiannon che è tutto vero, che quello che ogni giorno si presenta da lei è la stessa persona, anche se in un corpo diverso. Rhiannon s'innamora a sua volta dell'anima di A, ma dimenticare il suo involucro è difficile, e pian piano la relazione con i mille volti di A si fa più delicata di un vetro sottile. Nel disperato tentativo di non perderla, A tradisce le sue regole, inizia a lasciare nelle esistenze quotidiane tracce e strascichi del suo passaggio, e qualcuno se ne accorge...


Il primo volume mi è piaciuto molto, scorrevole ed originale.
La vita di A è un casino, costretto a cambiare corpo ogni giorno, fino a quando non incontra Rhiannon che gli fa desiderare di restare con lei.
L'unica persona per cui abbia mai provato qualcosa e che voglia tenersi stretto, anche se le cose non sono facili....sarà anche la prima a cui rivelerà il suo segreto.
Ma qualcun'altro lo ha scoperto, il suo segreto è in pericolo e la sua esistenza è in pericolo....
Un libro interessante e ben fatto, che lascia molta curiosità alla fine, purtroppo con risposte ancora aperte.

Questo nuovo libro racconta la stessa storia, solo dal punto di vista di Rhiannon: una noia!
Non la sopportavo nel precedente volume e non l'ho retta in questo: banale, superficiale e...sciocca!
Fidanzata con una persona rabbiosa e testarda; fa di tutto per assecondarlo, trasformandosi in un tappetino in ogni situazione, quando meriterebbe un bel calcio nel sedere!
Tutto per beccarsi della zoccola quando A la viene a trovare in un corpo di un ragazzo e lui li vede parlare.
Un libro che incarna tutti gli stereotipi della ragazza, appunto, zerbino, che viene maltrattata (quì solo psicologicamente) e che fa di tutto per giustificare il fidanzato, quando invece dovrebbe mollarlo e farsi una vita migliore.

Lei non mi è mai stata simpatica, nemmeno alla fine del volume si è riscattata di mezzo punto.
Non so cosa A abbia visto in lei, me lo chiedo dal primo libro.
Con tutte le persone incontrate nella sua esistenza, proprio questa con la sindrome della crocerossina e senza personalità? Boh....
Una lettura veloce per entrambi i libri, anche se il primo è originale e scorrevole, mentre il 'secondo' è solo una copia, cambia il punto di vista e basta.
Consiglio la lettura del primo, e del secondo solo se è piaciuta molto quella trama e Rhiannon.

Nessun commento:

Posta un commento