venerdì 5 febbraio 2016

Opinione: Zelda, di Connie Furnari


http://www.amazon.it/gp/product/B00PIVTDJK/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=B00PIVTDJK&linkCode=as2&tag=viaggiatricep-21
 (cliccando sull'immagine si va su Amazon)
Quando Zelda riapre gli occhi, dopo aver perduto un duello a colpi di magia, si ritrova in un corpo che non è il suo. Non ha più i capelli biondi ma neri e striati di viola; indossa abiti new gothic e non i suoi soliti jeans scoloriti. Sheila, che un tempo era la sua migliore amica, ha deciso di scambiare le loro vite con un incantesimo.
Mentre è immobilizzata e in attesa di morire, Zelda ricorda il giorno in cui i poteri magici si sono manifestati: il suo sedicesimo compleanno.
Non pensava, fino a poche settimane prima, che avrebbe dovuto lottare contro la magia nera di Salem, per salvare se stessa e Paul, il ragazzo mortale di cui è innamorata.

Zelda è una fiaba urban fantasy che rievoca lo stesso stile incantato dei racconti delle fate; una storia che alterna momenti di tenerezza, di azione e di coraggio. L’esperienza di una ragazzina come tante, pasticciona ma con un gran cuore, che scopre quanto sia difficile crescere, con o senza poteri magici.

° °   ° ° °   ° °   ° °   ° ° °   ° °

Un racconto breve ma interessante, che vede come protagonista Zelda, una strega (buona) che ha da poco ricevuto i suoi poteri, alle prese con l’ex migliore amica Sheila, che le ha rubato il corpo, e che la sfida.  
Rivedremo attraverso i suoi ricordi come quest’amicizia cambia in pochissimo tempo e come Zelda crescere diventando una strega della sua congrega. Vedremo l'invidia e la cattiveria di Sheila, e come la voglia di vendicarsi e diventare potente la porti a scontrarsi con Zelda.

Un po’ mi ha ricordato Buffy, nelle prime stagioni, quando Faith scambia i loro corpi per scappare: due cacciatrici, due forze sovrannaturali, ma una buona ed una passata al lato oscuro.  
Una storia breve ma piacevole, molto scorrevole e ben scritta.
Ho scoperto grazie a questo romanzo Connie Furnari, e devo dire che mi piace il suo stile.
Anche se scrive novelle che finiscono sempre troppo presto. Un Peccato solo per questo.  

2 commenti:

  1. Potrebbe essere una bella lettura da infilare tra due libri lunghi, sai?
    Non è tanto stupida l'idea della novella, può avere il suo perchè!
    Me lo segno, intanto!

    Baci <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, infatti! Si legge in un attimo ed è piacevole...ne ho letti alcuni suoi e non è male come scrittrice ^.^

      Elimina